mercoledì, marzo 03, 2010

Turismo eco sostenibile

Pubblicità blog Natura GiuridicaSi parla di turismo sostenibile o turismo eco-sostenibile per indicare una filosofia di vacanza che punta al rispetto e alla scoperta dell’ambiente, sia da parte di chi ospita, sia da parte del turista.
Questa tipologia di turismo, indicata anche come turismo consapevole, viene particolarmente apprezzata da chi ama la natura e lo sport, possiede un livello scolare medio - alto, ma non necessariamente un budget più elevato degli altri per le vacanze. Chi vive tutto l’anno in grandi aree metropolitane spesso preferisce immergersi in una realtà diversa, con un ritmo più lento rispetto a quello a cui è sottoposto quotidianamente.
Il turismo sostenibile, inoltre, costituisce una grande opportunità di sviluppo economico per piccoli e medi comuni che, fino a poco tempo fa, avrebbero rischiato di spopolarsi. Nei piccoli centri, data l'esiguità dei numeri rispetto alle città, il turista tende ad essere considerato come un ospite e non come un cliente. .

In questa scia, la Regione Piemonte ha lanciato il progetto Ecolabel Piemonte, ossia la possibilità, per una struttura ricettiva, di conseguire una certificazione denominata “ecolabel europeo”.

Le strutture piemontesi certificate sono alberghi, agriturismi, B&B e appartamenti che utilizzano le fonti di energia rinnovabile, offrono prodotti locali e biologici, hanno sistemi per il recupero dell’acqua piovana, il riscaldamento a legna e cartelli informativi per suggerire agli ospiti buone pratiche ambientali da seguire.

In effetti, un'altra caratteristica del turismo ecosostenibile è la voglia di imparare, attraverso la scoperta del borgo (lavorazioni artigianali, gastronomia, specie vegetali, fauna, tradizioni folkloristiche ecc.), a rispettare l'ambiente senza inventarsi niente di trascendentale o noioso, ma semplicemente riscoprendo la cucina della nonna, quella che per esempio sapeva riciclare gli avanzi, la stagionalità delle verdure e della frutta, il piacere di consumare e coltivare i prodotti locali, i giochi "per strada" invece di quelli che hanno bisogno di una consolle digitale...

Il progetto Comunità Ospitali, promosso da  Borghi Autentici Tour Srl, il Tour Operator di riferimento del sistema Borghi Autentici, consiste in un sistema di offerta integrata e diffusa di turismo nei piccoli e medi comuni. Il progetto è basato sulla considerazione che il Borgo e la sua comunità sono un luogo in cui le persone possono effettuare un periodo di vacanza, e/o occupare il loro tempo libero con attività di territorio.

Il concetto chiave è che il turista diviene, anche se temporaneamente, cittadino del borgo, identificandosi nel ritmo dolce della vita di paese, non essendo più un semplice utilizzatore dello spazio. Andrea Quaranta collabora con B.A.I. - Associazione Borghi Autentici d'Italia in qualità di consulente ambientale.

Non dimentichiamo inoltre che il turismo responsabile o ambientale si prefigge di non invadere, ed anzi rispettare, l’integrità dei territori visitati, il che vuol dire che il turista è responsabile della stanza che occupa, degli oggetti che utilizza e della spazzatura che produce: non butta per terra gli asciugamani se sono ancora puliti, non tiene aperto il rubinetto dell'acqua più del necessario, non semina rifiuti per la strada o nei posti in cui bivacca.

Quindi, tutto sommato, si può essere turisti sostenibili ovunque: nella grande città d'arte come nel piccolo borgo, e ci farebbe bene esserlo anche a casa nostra!

Ulteriori informazioni sul turismo sostenibile sono presenti nella pagina turismo-sostenibile


***
Se ti è piaciuto l'articolo, iscriviti al feed o inserisci la tua mail nel box  che trovi qui sotto, e conferma l’avvenuta iscrizione, rispondendo alla mail che riceverai sulla tua casella di posta: riceverai gratuitamente tutti gli aggiornamenti di Natura Giuridica direttamente nella tua casella di posta elettronica



Aggiornamento costante sul diritto ambientale

Inserisci la tua e-mail:


Delivered by FeedBurner

1 commenti:

secondo me si dovrebbe puntare su una maggiore sensibilizzazione verso il turismo eco-sostenibile