lunedì, ottobre 24, 2011

Sistri: al via i test

Secondo il comunicato apparso sul sito del Ministero dell'Ambiente il 12 ottobre scorso, oggi 24 ottobre 2011 dovrebbe prendere avvio una serie di 4 test "su specifici aspetti" del SISTRI così come emerso "nella riunione di ieri del Comitato di Vigilanza e Controllo sul Sistri (del quale fanno parte le categorie interessate ed il Ministero del’Ambiente)".

La nota prosegue riportando che "entro il 10 novembre [si svolgerà] un grande test con le aziende con oltre 50 dipendenti cui ne seguirà, entro novembre, un altro per le aziende da 11 a 50 dipendenti. L’obiettivo di testare, entro il termine fissato, tutti gli utenti Sistri per i quali il sistema entrerà in funzione in febbraio. Naturalmente è prevista la individuazione di eventuali correttivi ove si rendessero necessari in base agli esiti delle sperimentazioni".

L'obiettivo della nota è in realtà quello di chiarire che non "hanno alcun fondamento le affermazioni secondo le quali sono fermi i test sulla funzionalità del Sistema di tracciabilità dei rifiuti speciali e pericolosi (SISTRI). Non vi è alcun “impasse” ed i test proseguono per concludersi, come previsto dalla legge, entro il 15 dicembre".

Dopo le notizie, circolate nelle settimane scorse, a proposito della soppressione del Ministero dell'Ambiente, si guarda con ulteriore attenzione ogni notizia relativa al sistema Sistri, per il quale le aziende hanno già sostenuto dei costi. In effetti, a partire dal  suo debutto, ormai più volte rinviato, il sistema di tracciamento dei rifiuti è costato "alcuni milioni di euro alle centinaia di migliaia di imprese coinvolte nell’ambizioso progetto di tracciamento digitale dei rifiuti. Al termine di un ciclo di incontri con le associazioni imprenditoriali, culminati nell’audizione informale delle categorie davanti alla commissione Ambiente della Camera, il ministero ha messo in programma un ciclo di test di operatività del sistema informatico, per evitare di arrivare in affanno al (quinto) debutto di febbraio" così scriveva Alessandro Galimberti nel suo articolo "Il Sistri prova la ripartenza" pubblicato su IlSole24ore - inserto Norme e Tributi - del 12 ottobre 2011.

Le simulazioni si sono rese necessarie visto che parte dei continui rinvii è attribuibile a inefficienze riscontrate nel funzionamento del sistema. I test dovranno riprodurre nel modo più vicino alla realtà le sollecitazioni di caricamento dati che si verificheranno quando il Sistri sarà entrato in vigore.

Prosegue Galimberti: "Se i nuovi test “realistici” daranno risultati apprezzabili, in un secondo momento le due prove verranno accorpate in un terzo appuntamento, per raggiungere un livello di simulazione il più possibile vicino a una ordinaria giornata di caricamento dati “in tempo reale”, che è ciò che più interessa agli operatori. Si farà invece un test a parte e dedicato per la Campania, dove il tracciamento riguarderà, per le note emergenze, uno spettro più ampio di rifiuti. E proprio sulla tabellarizzazione più generale dei rifiuti – adempimento richiesto dall’ultima modifica estiva al testo di Sistri, che esenta alcune tipologie dal tracciamento – i tecnici del ministero stanno cercando un’intesa sempre con le categorie, per arrivare a una formulazione il più possibile condivisa del decreto ministeriale cui è stata demandata la separazione. Secondo fonti governative, si tratta di scegliere, e quindi fissare, limiti quantitativi e/o caratteristiche tecniche di “non nocività” ambientale per procedere alla definizione normativa di «non pericolosità», evitando così il rischio – rappresentato da alcune categorie – di procedere con un criterio «soggettivo» che colpisca indiscriminatamente alcune attività".

0 commenti: