La consulenza ambientale e le nuove professioni green

0 commenti

Le nuove professioni green: oggi la prima uscita su ingegneri.info

Oggi sulle pagine del portale www.ingegneri.info è stato pubblicato il mio primo articolo - quello introduttivo - sulle nuove professioni green.
Sottotitolo:perché la green economy ci chiamerà - anzi, ci ha già chiamato a una nuova concezione della professione. E come possiamo essere protagonisti.

Qui di seguito un breve estratto.
La rete pullula di brevi articoli in cui si parla, con una certa, ma giustificata, enfasi, dei “100 lavori del futuro”, quasi tutti legati alla green economy, “dalla A dell’account esperto in marketing ambientale alla Z dello zoonomo sostenibile”.
Si tratta, per lo più, di sintetiche elencazioni di mestieri che spesso, nella realtà di tutti i giorni, si tende a riassumere con il concetto di “consulenza ambientale”, un termine molto generico che non è in grado di far comprendere appieno – a volte neanche agli addetti ai lavori – di che cosa stiamo parlando.
Basta digitare la stringa “consulenza ambientale” su un qualsiasi motore di ricerca (non solo) specialistico e subito compaiono centinaia di risultati eterogenei: dagli agenti agli ingegneri, dai chimici ai tecnici ambientali, dai giuristi ai biologi, passando per le svariate figure di “consultant”.

Ciò disorienta sia chi è alla ricerca di una consulenza, sia chi vuole proporre la sua professionalità.

Come orientarsi, allora, nei meandri delle nuove professioni green?

Nell'articolo sono elencati i motivi per i quali Ingegneri.info ha deciso di dedicare spazio alle nuove professioni verdi: in estrema sintesi, per aiutare a capire come l’ambiente rappresenti un’ottima opportunità professionale e a destreggiarsi fra offerta di lavoro e modalità per accedere a eventuali corsi, necessari per accedere ai nuovi green works

Lavori verdi che sono – vale la pena sottolinearlo fin da subito – connotati da una spiccata multidisciplinarietà e da una forte carica di innovazione...

Per un approfondimento vi rimando all'articolo originale: "La consulenza ambientale e le nuove professioni green": buona lettura!